I nostri eroi alla riscossa

22318112818924304[1]

TITOLO ITALIANO: I Nostri Eroi alla Riscossa
TITOLO ORIGINALE: Cartoon All-Stars to the Rescue
ANNO:1990

LO POTETE TROVARE IN: in VHS, ma è molto raro. Forse su certi siti o in qualche negozio dell’usato.

TRAMA:
La storia racconta delle bravate di Michael, un ragazzo adolescente che sta iniziando ad usare marijuana e bere la birra del padre a sua insaputa. Sua sorella Corey è preoccupata per lui, poiché si è accorta di come il suo comportamento abbia iniziato a cambiare; un giorno il suo salvadanaio viene rubato, e molti dei suoi giocattoli dei cartoni prendono vita, per aiutarla a trovarlo. Alfine lo trovano, rotto, nelle mani di Michael, scoprendo anche la sua scorta di stupefacenti. Il traviato ragazzo era infatti intenzionato a procurarsi della cannabis appropriandosi degli spiccioli della sorellina. I vari personaggi dei cartoni procedono allora insieme, e portano Michael in un fantastico viaggio, per insegnarli i rischi legati all’uso della droga nella vita.

RECENSIONE( Scritta da Alex):
Faccio una premessa prima di cominciare: scrivo questa recensione non come critico cinematografico, ma come fan dei Chipmunks. Detto ciò, confesso che avevo dei dubbi su questo film, prima di guardarlo. Temevo che Alvin, Simon e Theodore apparissero solo come comparse per una manciata di secondi e poi sparissero, invece sono stato piacevolmente sorpreso nel constatare che nell’incredibile cast di personaggi, loro svolgevano anche uno dei ruoli più importanti, facendo la loro entrata in scena all’inizio del film e continuando a riapparire in varie occasioni fino all’epilogo.
La trama ha come protagonista assoluto Michael, un ragazzo che sta attraversando rapidamente tutte le fasi per diventare tossicodipendente, non solo beve di nascosto le birre del padre, ma comincia a manifestare un atteggiamento antisociale nei confronti della sorellina, arrivando, un giorno a rubarle il salvadanaio con il solo scopo di impossessarsi dei soldi per l’acquisto della droga. E’ proprio da questo punto che ha inizio la storia, ed è in questo punto che cominciano gradualmente ad entrare in scena tutti i più grandi protagonisti dei cartoni degli anni 80, a cominciare dai Puffi, che escono da un fumetto, passando poi all’alieno ALF, così come l’abbiamo conosciuto nella serie animata, ed in seguito, Kermit dei Muppets e il pigro Garfield, che prendono vita rispettivamente da una sveglia e da una lampada. Tra gli ultimi ad entrare in scena in questa prima parte del film ci saranno i Chipmunks, che usciranno dalla confezione di un loro album, la cui copertina è ben visibile, e i fan non tarderanno a riconoscere l’album in questione: Born to Rock (un punto extra per la fedeltà, anche se, visto l’album, vien da chiedersi perché non ci siano anche le Chipettes).
La squadra dei personaggi dei cartoni scoprirà presto che il furto del salvadanaio è opera di Michael e che i soldi gli serviranno per l’acquisto della droga. I Chipmunks, nascosti insieme ad ALF sotto il letto di Michael, troveranno una scatola dal contenuto insolito, che Simon esaminerà e scoprirà essere Cannabis, Alf esclamerà, infine, una frase che rappresenterà il fulcro su cui ruoterà tutto il film: “Ho paura che questa volta siamo usciti dall’ambito dei cartoni!”. E non ha torto, perché nonostante la presenza di tutti quei personaggi dei cartoni animati, le tematiche di questo film sono tutt’altro che allegre.
I vari personaggi faranno la loro parte per convincere Michael della gravità di ciò che sta facendo, e per convincerlo a preservare la sua salute lo metteranno di fronte a verità scomode e dure da accettare. Le droghe sono inutili e pericolose, devastano il corpo e la mente e col trascorrere degli anni riducono la persona ad un cadavere ambulante, e sarà proprio questo che Michael si farà mostrare dai vari personaggi. Vedrà quanto sarà orrendo il suo volto nel futuro a venire e si vedrà sul suo letto di morte ridotto in condizioni fisiche perfino peggiori! Tutto questo potrà essere evitato solamente in un modo: rinunciando per sempre all’uso di quelle sostanze.
Non mancherà il classico cattivo, che in questo film sarà rappresentato da “Fumo”, una nuvola di…fumo…antropomorfa e parlante che cercherà in tutti i modi di convincere Michael a non rinunciare alle droghe e che, non riuscendo nel suo obbiettivo, tenterà di persuadere la sorellina del ragazzo a iniziare a farne uso, con la promessa che in questo modo il loro rapporto d’amicizia tornerà quello di un tempo.
Non si fa nemmeno sentire la mancanza della classica canzoncina, sempre presente nei cartoni animati di un tempo, durante la quale i Chipmunks la faranno da padroni. L’unica nota negativa di questo film è il doppiaggio italiano, completamente diverso da quello che tutti noi abbiamo imparato ad amare nelle serie TV originali, e che si farà insopportabile proprio durante la canzone, dove la voce dei Chipmunks non sarà quella che tutti conosciamo e finirà per confondersi/uniformarsi con quella di tutti gli altri personaggi.

Ad ogni modo, anche se il film nasce come semplice documentario contro la droga, la simpatia dei personaggi, la fedeltà a ciascuna serie, le gag e i dialoghi intelligenti lo rendono anche un ottimo prodotto d’intrattenimento, soprattutto per gli appassionati dei cartoni degli anni 80-90.

VOTO: 7/10

Commenta l'articolo!

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: